Compagnia Teatrale il sentiero di Oz

Con il patrocinio del Municipio Roma XVI

Comune di Roma

La Scuola di Teatro annuale per bambini e ragazzi


La nostra scuola di teatro si rivolge a tutti coloro che vogliono usare, sperimentare, scoprire il teatro come mezzo d'espressione. Ma cosa vuol dire esprimersi? Esprimersi significa, da un lato prendere coscienza di sé, dall'altro manifestarsi al prossimo. Per il bambino, questi due momenti sono fondamentali per uno sviluppo armonioso della personalità. Attraverso l'arte teatrale possiamo percorrere con il giovane allievo una strada dalla triplice valenza ludica, pedagogica ed espressiva, tale da favorire alcuni importanti aspetti della sua formazione. Possiamo distinguere quattro sfere principali nelle quali avviene lo sviluppo del bambino:Capitan Uncino
  1. la sfera fisica
  2. la sfera cognitiva
  3. la sfera affettiva
  4. la sfera sociale
Il nostro lavoro, interviene in tutti gli aspetti sopraindicati:
  1. tocca la sfera fisica perché il Teatro nella nostra Scuola è attività fisica, movimento, gioco, stimolazione dei cinque sensi;
  2. tocca la sfera cognitiva perché il Teatro è curiosità, scoperta, esplorazione, ricerca, invenzione e creazione, confronto tra esperienze diverse, elaborazione e ragionamento, deduzione, immaginazione e creatività, gioco, comunicazione;
  3. tocca la sfera affettiva perché il teatro è ascolto, comprensione, affetto, fiducia, allegria, relazione e comunicazione, autonomia, espressione e creatività, sicurezza e stabilità;
  4. tocca la sfera sociale perché il teatro può e deve essere per il bambino, contatto con gli altri e relazione; partecipazione, confronto, integrazione, cooperazione, competizione, comunicazione, gioco, rispetto ed accettazione degli altri, rispetto di regole collettive, autonomia, emulazione e soprattutto, educazione.
Il teatro come attività espressiva quindi, impegna tutte le componenti della personalità e agisce su di essa come forza liberatrice, come manifestazione creativa, come fonte inesauribile di ricerca e valorizzazione di se stessi e possibilità d'incontro e confronto con gli altri. La forma espressiva teatrale si può suddividere, sinteticamente, in tre tipi:
  • espressione figurativa;
  • espressione musicale e ritmica;
  • espressione drammatica o drammatizzazione.
Soffermandoci sull'ultima, che quasi sempre racchiude in se le altre due, possiamo sicuramente dire che la drammatizzazione, o arte drammatica, è un valido strumento per scoprire ed esplorare le nostre potenzialità creative in un contesto di gruppo. Fare teatro insieme è innanzitutto un divertimento. Oltre a questo, permette all'allievo di imparare a stare insieme agli altri rispettando una disciplina e chi gli sta vicino e di raggiungere una serie di obiettivi che riguardano sia il singolo partecipante, che il gruppo nel suo insieme.
Ne elenchiamo i principali: pinocchio e la fatina
  1. aiuta il gruppo ad acquisire coesione;
  2. aumenta la tolleranza, il rispetto e la comprensione tra i membri del gruppo;
  3. aiuta la conoscenza di se stessi, la valutazione delle proprie potenzialità e dei propri limiti;
  4. sviluppa le abilità sociali, fisiche e verbali;
  5. favorisce la spontaneità, l'uso dell'immaginazione e la capacità di giocare;
  6. amplia le conoscenze di persone, luoghi, tempi diversi dai nostri.

Lo spettacolo
Considerato dai bambini, dai genitori, e dagli stessi insegnanti, l'evento con la E maiuscola, lo spettacolo di fine anno si presenta per l'allievo come un appuntamento indimenticabile e molto emozionante. Va da sé che porre come obiettivo la preparazione di uno spettacolo è un importante stimolo al lavoro del gruppo. Lo spettacolo finale è il risultato di un lungo lavoro, di un processo formativo che passa attraverso la pratica di esercizi e giochi che consente di raggiungere obiettivi che vanno molto al di là del momento rappresentativo. Tuttavia il lavoro propedeutico e la preparazione di uno spettacolo sono due momenti strettamente integrati tra loro. Raccogliere i frutti di un anno di lavoro per rappresentare un vero e proprio spettacolo teatrale davanti ad un pubblico che cresce di anno in anno, lascia nel vissuto del bambino un piccolo tesoro d'esperienza. Soprattutto se gli importanti traguardi si raggiungono con la magia, che solo un bambino può avere, della gioia, del divertimento e della spensieratezza.